• 191
    0

    In piena era della “convergenza tecnologica” le nostre menti sono inondate da articoli, flash news, post, tweet, banner, ecc. Basta accedere da uno smartphone su un qualsiasi social media, sito internet, app per ritrovarsi catapultati in un vortice di notizie senza fine. Ma ci siamo chiesti quali sono quelle vere e quali vengono scritte solo ...
  • comunicazione
    250
    0

    Possibilità Preferisco il cinema. Preferisco i gatti. Preferisco le querce sul fiume Warta. Preferisco Dickens a Dostoevskij. Preferisco me che vuol bene alla gente a me che ama l’umanità. Preferisco avere sottomano ago e filo. Wislawa Szymborsk Certamente non voglio proporre una teoria ma un gioco per riflettere sulla comunicazione. Ogni persona, consapevolmente o no, ...
  • terzo settore
    1099
    0

    Di Massimo Iaquinangelo Il terzo settore abbraccia una serie di associazioni e no profit che operano in tantissimi campi, dalla cultura alla formazione, dallo sport alla salute, dalla riabilitazione alla raccolta fondi per cause umanitarie e non solo. La comunicazione del terzo settore ha assunto negli ultimi anni sempre più una maggiore importanza per il ...
  • domande
    351
    0

    Le domande producono risposte che in genere consentono la comprensione. L’assenza di domande è colmata da interpretazioni o affermazioni. Le interpretazioni sono rischiose, se promosse dal pregiudizio (risposta a priori) mentre, in genere, le affermazioni determinano resistenze. Le interpretazioni, le resistenze, alimentano l’incomprensione e questa il conflitto contro. Se non si fanno domande, non si ...
  • 735
    0

    LEGGERE L’ONDA Il signor Palomar è in piedi sulla riva e guarda un’onda. Non che egli sia assorto nella contemplazione delle onde. Non è assorto, perché sa bene quello che fa: vuole guardare un’onda e la guarda. Non sta contemplando, perché per la contemplazione ci vuole un temperamento adatto, uno stato d’animo adatto e un ...
  • 1112
    0

    Non dipingo sul cavalletto. Preferisco fissare le tele sul muro o sul pavimento. Ho bisogno dell’opposizione che mi dà una superficie dura. Sul pavimento mi trovo più a mio agio. Mi sento più vicino al dipinto, quasi come fossi parte di lui, perché in questo modo posso camminarci attorno, lavorarci da tutti e quattro i ...